Si chiude l'anno della misericordia

Il 20 Novembre si è concluso il giubileo straordinario della misericordia con la chiusura della porta Santa a San Pietro alla presenza di 100.000 partecipanti. Un giubileo che ha fatto parlare di sé sin dal suo esordio.

L’apertura dell’anno giubilare cade alla fine del cinquantesimo anno del Concilio Vaticano II. Per la prima volta nella storia, il Papa ha voluto che il Giubileo fosse diffuso e celebrato in tutte le cattedrali del mondo. L’apertura della porta santa della cattedrale di Bangui (capitale della Repubblica del Sud Africa) alle 17.15 del 29/11/2016 (che anticipò a sorpresa l’apertura del Giubileo), ne ha segnato l’inizio, oltre a dare un segnale forte di presenza della chiesa in quelle zone dove l’odio, la povertà e la persecuzione sono diventate incessanti.

La misericordia nel ricordo del volto di Cristo, non si ferma con il cessare del giubileo, è importante che le periferie del mondo non si sentano sole, non dimentichiamo che quelle periferie sono dietro l’angolo di casa nostra. La miseria non si riferisce alla miseria materiale, ma a quella spirituale e morale che è ormai padrona del nostro tempo.

“Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre Vostro” Luca 6, 36

Il perdono e la compassione sono la speranza, non solo per combattere l’indifferenza, ma per arricchire il nostro cuore di quella misericordia che il nostro Padre cI ha donato.

[player id=814]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *